DAREDEVIL n.6: Si conclude Daredevil/Punisher e il primo story-arc di Power Man&Iron Fist ! (recensione)

In questa recensione che ho scritto per MangaForever ho voluto fare il punto sui numeri finora pubblicati del rilancio All-New All-Different di Daredevil, scritto da Charles Soule.

Si parla inoltre della miniserie Daredevil/Punisher: Il settimo cerchio, che si conclude proprio in questo numero, e della nuova serie dedicata a Power Man (Luke Cage) e Iron Fist, “ospiti” del Diavolo Rosso in questo antologico Panini e tutti freschi di serie televisiva su Netflix !!!

Per sapere la mia opinione, cliccate pure qui sotto per leggere l’articolo:

http://www.mangaforever.net/373358/daredevil-n-6-si-conclude-daredevilpunisher-e-il-primo-story-arc-di-power-man-iron-fist-recensione

 

Alla prossima, Cavalieri Marvel !!! 😉

Annunci

DEADPOOL: I RE DEL SUICIDIO ( recensione )

La Panini ripropone in versione economica Best Seller un’acclamata saga del mercenario chiacchierone precedente al rilancio Marvel NOW!, che lo vede dividere la scena con Punisher, Daredevil e Spider-Man !

I Re del suicidio è una storia in cinque parti scritta dai due autori televisivi Mike Benson e Adam Glass, mentre la parte grafica è a cura di Carlo Barberi, disegnatore principale della serie del mercenario sotto la gestione di Daniel Way  !

Diciamo che non si tratta di una delle saghe più riuscite del personaggio, ma comunque vi rimando alla mia recensione su MangaForever per un giudizio più approfondito. Cliccate pure qui sotto se vi va di leggerla:

DEADPOOL: I Re del suicidio [ Recensione ]

 

Alla prossima, Mercenari !!! 😉

 

DEVIL & I CAVALIERI MARVEL n.6 – All-New Marvel NOW! ( recensione )


Original Sin irrompe anche nella serie del Diavolo Rosso, con inquietanti rivelazioni sui genitori di Matt Murdock ! Il Punitore invece deve fermare un attacco chimico a L.A., ma ad ostacolarlo ci saranno Electro e gli Howling Commandos ! Il nuovissimo Ghost Rider a quattro ruote dovrà vedersela con Mr. Hyde, mentre i Thunderbolts di Hulk Rosso continuano la scorribanda all’Inferno, aiutati da Johnny Blaze, l’originale Spirito della Vendetta !!!

Un menù ricco e variegato in questo antologico della Panini dedicato agli (anti)eroi più outsider dell’universo Marvel, entrato adesso in piena fase All-New Marvel NOW! con nuovi rilanci e team creativi.

Per saperne di più, non avete che da cliccare nel link in basso, dove trovate la mia recensione su MangaForever:

Devil & i Cavalieri Marvel n.6 – Recensione

 

Alla prossima, Diavoletti ! 😉

MOON KNIGHT – SOLE DI MEZZANOTTE ( recensione )

Sole di Mezzanotte è il titolo del secondo arco narrativo della serie di Moon Knight scritta da Charlie Huston, risalente al 2007. Come già scrissi a proposito dei primi capitoli, Huston ha rilanciato un personaggio controverso e poco conosciuto come il Cavaliere della Luna, conferendo alla sua nuova serie una connotazione decisamente più dark e violenta, impreziosita dalle maestose tavole di un David Finch in stato di grazia.

In questo secondo capitolo, che comprende i numeri dal 7 al 12 della serie originale, Huston continua ad analizzare la complessa personalità di Marc Spector, sempre più tormentato e insicuro di sé, anche perché privo dei suoi poteri lunari e completamente solo. La sua relazione con la bella Marlene, infatti, sembra essere definitivamente troncata, e tutti i suoi amici ed ex compagni di lavoro sono morti o sono rimasti profondamente segnati dai trascorsi insieme a lui.

Perdipiù, Spector continua ad essere ossessionato da allucinazioni in cui rivede la sua nemesi Bushman, orribilmente sfigurato da lui tempo addietro, che lo incita a uccidere i suoi avversari e sottomettersi alla divinità egizia che gli aveva donato i poteri, così da riacquisirli. Ecco perché Moon Knight si ritrova perennemente in bilico sul ciglio di un burrone da cui sarebbe impossibile risalire, combattuto tra i suoi istinti omicidi e la possibilità di essere un eroe, ma anche tra la ragione e la follia che albergano nella sua mente….!

In sostanza, il Moon Knight di Huston è una specie di Batman prima maniera , come quello creato da Bob Kane nel ’39, solitario e violento, ma con l’aggravante di una schizofrenia latente ! Il suo caratteraccio e l’instabilità mentale lo portano ad escludersi anche dagli altri “colleghi” eroi, e proprio in questo story-arc sono particolarmente emblematici e interessanti i confronti con alcuni di loro, come Spider-Man, Punisher, Capitan America e Iron Man, inseriti nel contesto del grande evento Marvel Civil War, nel quale tutti i supereroi erano chiamati a schierarsi per sostenere o meno il famigerato Atto di registrazione dei superumani.

Huston, che è uno scrittore raffinato e non alla ricerca della spettacolarità a tutti i costi, evita accuratamente le solite baruffe inutili e scontate tra supereroi, e imposta i vari faccia a faccia unicamente sul piano verbale, soffermandosi sulle caratteristiche psicologiche e comportamentali dei personaggi coinvolti, messe a confronto con quelle dello scorbutico Cavaliere Lunare ( o “lunatico”…! ). E’ anche vero che questi incontri fungono più che altro da contorno alla vicenda e probabilmente sono frutto più di un’imposizione dall’alto della dirigenza Marvel che di un volere specifico da parte dell’autore, il quale focalizza l’attenzione sempre e solo su Spector.

Anche stavolta Moon Knight dovrà fare i conti con un fantasma del suo passato: un letale assassino che uccide sempre a mezzanotte facendo a pezzi le proprie vittime, con il preciso scopo di attirare l’attenzione del nostro eroe, e le sue motivazioni non saranno così scontate come potremmo aspettarci… Nonostante questo, il villain non viene particolarmente approfondito, così come gli altri comprimari della storia, che alla fine vengono utilizzati soprattutto come strumenti attraverso i quali esplorare meglio e approfondire la psiche del protagonista e il suo percorso, sia interiore che come vigilante.

Da bravo romanziere pulp, Huston scrive dialoghi asciutti e diretti, spesso infarciti da turpiloqui “censurati”, che rispecchiano le situazioni crude e violente in cui è coinvolto Moon Knight. Gli ultimi due episodi in particolare sono da segnalare per una sceneggiatura ingegnosa e ricercata, che gioca con i piani temporali, proponendoci una catena di eventi mescolati tra loro, in ordine non cronologico: un escamotage interessante, che rende più movimentata e frizzante la narrazione, mantenendo alta la tensione nel lettore.

Sul lato grafico, stavolta un Finch parecchio sottotono viene sostituito da Mico Suayan a partire dal terzo episodio. Suayan tenta di emulare il tratto cupo e dirompente di Finch, ma in certi casi ricorda anche un altro grande talento come Leinil Francis Yu; le sue figure sono energiche e muscolari, ma il tratto è un po’ più grezzo e impreciso rispetto a quello dei due artisti succitati, e soprattutto non riesce ad eguagliare la loro potenza visiva. Nel complesso comunque Suayan svolge un lavoro egregio, anche se non si preoccupa di lasciare un suo segno sulla serie, ma si limita a ricalcare il più possibile lo stile del suo predecessore e mantenere così una continuità a livello grafico, riscontrabile anche nella costruzione delle tavole, sempre caratterizzate da vignette spesso intersecate tra di loro a mo’ di collage, piani lunghi e qualche splash page per enfatizzare i momenti più eclatanti. Ottima e appropriata anche stavolta la colorazione fredda e realistica di Frank D’Armata.

In conclusione, questa serie di Moon Knight è un discreto “cazzotto nello stomaco”, per toni e argomenti proposti, adatta solamente a chi ama leggere storie più adulte e particolari, con una forte componente noir. Resta dunque una valida alternativa alle classiche serie Marvel di supereroi, anche se è un po’ troppo concentrata solo sul protagonista e alla lunga rischia d’impantanarsi sempre sulle stesse tematiche….

IN MY ROOM 2.0 – parte 3

Preparate i fazzoletti, cari lettori dello SPIDER-Ci’s WORLD, perché siamo giunti all’ultima parte di IN MY ROOM 2.0, ovvero il viaggio per immagini attraverso la mia cameretta NERD !!! 🙂

In questa puntata andremo ad esplorare lo scaffale a muro più alto della mia stanza, che ha una lunghezza pari a quasi tutta la parete e su cui, di conseguenza, ho posizionato il maggior numero di oggetti !

All’estrema sinistra adesso tengo la mia collezione di dvd, decisamente più leggeri dei corposi volumi a fumetti che stavano letteralmente facendo crollare il ripiano !!! A parte i due simpatici pupazzetti deformed di Batman e del Bat-Mito che ci sono davanti, permettetemi di farvi notare almeno lo splendido cofanetto in edizione limitata della trilogia del Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, comprensivo di 6 dischi ( i tre film + relativi contenuti extra ), un mini art-book fotografico e copertina del cofanetto olografica che mostra i loghi delle tre pellicole ! Insomma, un vero gioiello per tutti coloro che hanno apprezzato questa versione cinematografica del Pipistrello !!! 😉

Foto0595

The Dark Knight Trilogy

Subito accanto campeggia un’imponente action figure super-articolata di Batman Begins, mentre davanti ci sono una tazza di porcellana a forma di testa di Batman e un bel pupazzo in pvc ispirato al Bats de Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan:

Foto0596

Sulla parete esattamente dietro, invece, fa bella mostra di sé una gigantesca locandina di Spider-Man 2 !!!

Foto0598

Ma tornando sullo scaffale, continuano le action figures del Pipistrello, con Batman e Joker ispirati al character design di Jim Lee nella famigerata saga Hush, e un’iconica statuetta in piombo, dipinta a mano, che riproduce Batman sopra un mostruoso gargoyle !

Foto0561

Proseguendo, troviamo un semplice pupazzetto snodabile di Batman tratto dal cartoon della Justice League e un bel salvadanaio di Batman Begins ! Dietro di loro ho posizionato l’edizione absolute di World’s Finest, scritto da Dave Gibbons e disegnato da Steve Rude, che si fregia di una bellissima quanto iconica copertina !!!

Foto0599

Ma dopo tutto questo Batman è giusto dare un po’ di spazio anche al nostro amato Tessiragnatele, con una spettacolare action figure di Goblin, munito di aliante e di un povero Peter Parker legato ad una corda, esattamente come lo abbiamo visto in The Amazing Spider-Man 39, nella celeberrima copertina disegnata da John Romita Sr. ! Subito davanti, un bel bagnoschiuma a forma di Spider-Man…..

Foto0594

….mentre attaccato allo scaffale, c’è un gargoyle con appesa un’action figure ultra-snodabile del Ragno, ispirata alla prima pellicola di Sam Raimi !

Foto0552

Altro bellissimo bagnoschiuma di Spidey sull’altra estremità dello scaffale, insieme ad una strana palla trovata dentro l’uovo di Pasqua e due pupazzetti del mitico Cartman di South Park ! Dietro ci sono delle statuine di Batman Beyond e la confezione di un’action figure ragnesca contenente una ristampa di The Amazing Spider-Man 301, con la celebre cover di Todd McFarlane !

Foto0527

E adesso concludiamo con il pezzo forte, ovvero la mia vetrina !!! Al suo interno ho raggruppato buona parte delle action figures ragnesche e batmaniane collezionate nel corso degli anni, più vari gadget e qualche extra….

Foto0593

La parte sinistra è tutta dedicata al Tessiragnatele, con action figures di vario genere e provenienza, sia sue che dei suoi nemici. Molte di esse si riferiscono alla serie a cartoni degli anni Novanta….

Foto0583

Foto0584

Nel mezzo, poi, ci sono alcuni “intrusi” come Punisher e Devil, quest’ultimo con ben tre uniformi differenti, ma s’inizia già a scorgere la bat-invasion sul lato destro !!! 😉

Foto0587

Dall’altro lato infatti potete ammirare alcune delle tante “incarnazioni” dell’Uomo Pipistrello, da quella classica a fumetti a quelle delle varie pellicole a lui dedicate, fino ad arrivare al fortunato videogioco Batman: Arkham o al futuristico Batman Beyond !

Foto0622

Ma come vedete non manca nemmeno il fido Robin ( versione classica ) o avversari storici come Joker, Mr. Freeze, Poison Ivy e il Pinguino ! Il tutto corredato da adesivi e ritagli vari con cui ho tappezzato un po’ tutta la vetrina…! 🙂

Foto0624

Foto0621

 

E con questo è davvero tutto ! Spero che questo piccolo reportage fotografico attraverso gli angoli più nerd della mia stanza vi sia piaciuto e abbia fatto trasparire il mio indissolubile amore per i comics e tutto ciò che vi ruota attorno !!! 😉

Alla prossima !

DEVIL & I CAVALIERI MARVEL n.21 ( recensione )

Devil incontra Superior Spider-Man, nella serie vincitrice dell’Eisner Award scritta da Mark Waid e disegnata da Chris Samnee !

Punisher: War Zone, miniserie in cinque parti di Greg Rucka e dell’italianissimo Carmine Di Giandomenico, giunge a conclusione e ci mostra l’impossibile faccia a faccia tra il Punitore e gli Avengers !!!

La nuova formazione dei Thunderbolts, composta da Hulk Rosso, Elektra, Venom, Deadpool e il Punitore, continua la sua missione a Kata Jaya, una micro-nazione in cui regna la dittatura ! Testi di Daniel Way e disegni di Steve Dillon.

Questo è il menù principale di DEVIL & I CAVALIERI MARVEL 21, antologico Panini di cui potete leggere la mia recensione QUI !

 

Prossimamente: La recensione del bellissimo DEVIL: GLI ULTIMI GIORNI, di Bendis, Mack, Janson e Sienkiewicz !  Gli appassionati del Cornetto sono avvisati….! 😉

IRON MAN 3 + DEVIL & I CAVALIERI MARVEL 15 ( recensioni )

Periodo piuttosto “prolifico” a livello di recensioni, anche grazie a qualche giorno di ferie che sono riuscito a prendermi durante questi ponti del 25 aprile e del primo maggio ! E così stavolta vi beccate ben due recensioni al prezzo di una, che spaziano dal cinema ai fumetti !!! 🙂

Cominciamo con il piatto forte, che è la recensione del blockbuster del momento: IRON MAN 3 ! Un film particolare e controverso, che ha molto diviso gli appassionati, visto che esce un po’ fuori dagli schemi dei classici film di supereroi….

Se volete sapere il mio personale giudizio, però, dovete necessariamente cliccare QUI e leggervi la mia recensione su MangaForever !!! 😉

 

Torniamo poi ai fumetti e per l’esattezza alla testata dedicata al Diavolo Rosso, ovvero DEVIL & I CAVALIERI MARVEL, che al momento ospita anche le avventure del Punitore ! Nel quindicesimo numero troviamo un particolare racconto dal retrogusto vintage, in cui Ant-Man entra nel cervello di Devil per uccidere dei minuscoli robot che vi si erano installati, e per una volta riesce a “vedere” esattamente come il supereroe cieco ! Prosegue poi il Punisher di Greg Rucka e del grande Marco Checchetto, dove non mancheranno sparatorie e spargimenti di sangue, così come nell’ultimo numero della miniserie Daredevil Vs. Punisher, in cui a darsele di santa ragione saranno proprio i due protagonisti di questo antologico Panini !!!

Anche qui, per un giudizio più approfondito, vi tocca tornare su Mangaforever e leggervi la mia recensione ! :-p

 

 

Concludo ringraziando pubblicamente la simpaticissima blogger Fridge7, che mi ha nominato per i Liebster Blog Award, ovvero premi da conferire ad altri blog che ci piacciono, a condizione che abbiano meno di 200 follower. Io purtroppo sono un po’ restio a questo tipo di “catene” e non ho tempo di dedicarmici, per cui mi limito ad invitarvi a fare un giro nel blog di Fridge7 perché è molto simpatico e divertente, e inoltre ci potrete trovare tutte le istruzioni per assegnare a vostra volta i Liebster Blog Award !

E adesso è davvero tutto. Alla prossima !!! 😉