MOON KNIGHT – DALLA MORTE, di Warren Ellis e Declan Shalvey ( recensione )

 

Moon Knight è sicuramente uno dei personaggi più controversi e ambigui dell’universo Marvel. Soffre di disturbi della personalità, che l’hanno portato a crearsi delle nuove identità o addirittura a trasformarsi in altri famosi supereroi, come Spider-Man, Wolverine e Capitan America.

La sua schizofrenia latente lo porta spesso a perdere il controllo ed avere atteggiamenti violenti, che sfoga sui malcapitati criminali che incrociano la sua strada. E’ un uomo perennemente in lotta con se stesso e i suoi demoni interiori, che lo portano a rimanere in bilico sul filo sottile che divide la ragione dalla follia, la giustizia dalla sete di vendetta.

Anche l’origine dei suoi poteri non è ben chiara. Lui sostiene di essere stato salvato dalla morte da un’antica divinità egizia, Khonshu, che gli avrebbe donato capacità mistiche, oltre a spingerlo verso la sua missione di giustiziere. L’instabilità mentale che lo caratterizza, però, ha portato a mettere in dubbio anche la veridicità delle sue origini…

 

Proprio per via di questa sua particolarità, Moon Knight è sempre stato un personaggio di nicchia, di certo non tra i più popolari della Casa delle Idee, anche se ultimamente la casa editrice ha tentato di rilanciarlo più volte, affidandolo nelle mani di scrittori di spicco, come Charlie Huston e Brian M. Bendis.

Nel 2014 invece è stata la volta di un altro grande scrittore come Warren Ellis, molto amato soprattutto per opere più indipendenti come Transmetropolitan, The Authority e Planetary, ma anche alla Marvel ha realizzato apprezzati cicli di Doom 2099, Ultimate Fantastic Four, Thunderbolts, Nextwave e Iron Man: Extremis, giusto per citarne alcuni…

Con l’alter ego di Marc Spector, invece, Ellis realizza solo sei episodi, raccolti in un elegante volume cartonato dalla Panini, che non costituiscono però un vero e proprio story-arc, in quanto sono tutti racconti autoconclusivi.

Già questa, di per sé, è una scelta insolita e spiazzante, visto che ormai siamo abituati a leggere cicli di storie sempre più lunghi, soprattutto in ambito supereroistico. L’altra scelta insolita dello scrittore è quella di ridurre al minimo i dialoghi e affidarsi molto al racconto per immagini, in questo caso appannaggio dell’ottimo Declan Shalvey, che col suo tratto essenziale e cupo si adatta perfettamente alle sceneggiature di Ellis, scarne e dirette.

Lo scrittore ci dimostra che non sempre sono necessarie tante parole o tante pagine per raccontare una storia, e trova nel minimalismo grafico e verbale la chiave di lettura giusta per rappresentare la sua visione del Cavaliere Lunare, con varie sfaccettature della sua personalità che vengono analizzate nel corso dei sei episodi.

Ellis in particolare crea una nuova identità a Spector, soprannominata Mr. Knight, che gira in una limousine auto-comandata e indossa un elegantissimo completo bianco e una maschera. Anche il costume da supereroe viene leggermente modificato, aggiungendo un tocco di nero alla tuta che contrasta con il candore del lungo mantello e del cappuccio.

Il ritmo della narrazione e lo storytelling impeccabile di Shalvey rendono molto fluida e scorrevole la lettura, che ha connotazioni decisamente pulp, spaziando da combattimenti all’ultimo sangue e risse da strada a tematiche più mistiche ed oniriche.

Non aspettatevi però il “capolavoro” che molti critici e appassionati hanno decantato, perché rischiereste di rimanere delusi, ma limitatevi a godervi queste sei pillole noir per quello che sono: dei brevi racconti molto ben scritti e rappresentati, che offrono un’altra interpretazione di uno dei personaggi più oscuri dell’universo Marvel. Se cercate una lettura supereroistica più matura e fuori dall’ordinario, Moon Knight è quello che fa al caso vostro.

Annunci

5 Risposte

  1. Bell’articolo! Non ho mai letto Moon Knight ma amo l’atmosfera e i disegni noir e sicuramente troverei interessante una lettura di questo tipo..

  2. All’epoca mi era piaciuto proprio per la sua semplicità, per essere composto da episodi autoconclusivi. Poi ammetto di non essere più andato avanti.

    • Infatti è stata sicuramente una scelta originale quella di fare tutti racconti autoconclusivi, però non sono nemmeno quel capolavoro che molti declamavano, secondo me esagerando….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: