AVENGERS: AGE OF ULTRON – Il film ( recensione )

L’universo cinematografico Marvel è ormai sempre più strutturato e complesso, con una continuity vera e propria esattamente come nei fumetti. Sul grande schermo il racconto è stato suddiviso in varie “fasi”, composte dalle pellicole dedicate ai singoli personaggi, che portano avanti una trama destinata a culminare in quella corale degli Avengers, dove tutti i supereroi combattono fianco a fianco contro minacce che da soli non potrebbero sconfiggere.

Del resto, anche nei comics è sempre stato questo il senso del supergruppo più potente di casa Marvel, ma sul grande schermo assume una valenza ancora più significativa, in quanto rappresenta il grande evento che va a suggellare la storia raccontata nei precedenti film, ponendo le basi per la fase successiva.

Il primo film degli Avengers fu un successo clamoroso, che probabilmente superò anche le aspettative degli stessi Marvel Studios e dimostrò senza mezze misure che la strada da loro intrapresa era quella giusta. Bissare un successo del genere sarebbe stata un’impresa ardua, ma pare che Joss Whedon, regista già del precedente capitolo, avesse ben chiara da subito la storia che avrebbe voluto raccontare nel sequel.

Inizialmente ci aveva sviato mostrandoci Thanos ( nella famigerata scena dopo i titoli di coda ), che in effetti non avrebbe sfigurato come avversario dei supereroi più potenti della Terra, ma in realtà è stato solo “rimandato”…. Prima infatti si è voluto dare spazio ad un’altra nemesi storica del super-gruppo, particolarmente amata dai Marvel-fan: mi riferisco a Ultron, un’intelligenza artificiale creata dagli stessi Avengers a fin di bene, ma che invece gli si rivolterà contro trasformandosi in una minaccia inarrestabile ed estremamente pericolosa.

Le sue origini ovviamente sono state modificate in funzione della continuity cinematografica, per cui non sarà Hank Pym a creare il malefico robot, ma la brillante mente di Tony Stark, aiutato dal genio scientifico di Bruce Banner. La sostanza comunque non cambia, in quanto il risultato sarà la creazione di un essere talmente potente da mettere sotto scacco gli Avengers e l’umanità intera. Nel film inoltre viene aiutato da altri personaggi ben noti agli appassionati di comics come i fratelli Maximoff, alias Quicksilver e Scarlet Witch, qui esseri “potenziati” dal Barone Von Strucker e non mutanti, dato che i diritti degli X-Men sono ancora in mano alla Fox.

Se il velocista argenteo di Aaron Taylor-Johnson ( già Kick-Ass cinematografico ) si dimostra in fin dei conti piuttosto inutile all’interno del film, non si può dire lo stesso della “streghetta” scarlatta interpretata dalla gemellina Olsen, che con le sue manipolazioni mentali riesce a far rivivere agli Avengers le loro peggiori paure e angosce, portando così alla luce alcuni inquietanti retroscena sul passato di Vedova Nera e scatenando la rabbia incontenibile di Hulk. La battaglia che seguirà per fermarlo, perpetrata da un Iron Man corazzato con l’armatura super-potenziata nota come Hulkbuster, è sicuramente una delle più roboanti e spettacolari mai viste sul grande schermo, e con tutta probabilità pone le basi per l’annunciata pellicola di Planet Hulk.

Whedon in pratica gioca sempre con le personalità del super-gruppo, mettendole a confronto, anche l’una contro l’altra, insinuando il dubbio tra di loro, sia per quanto riguarda la reciproca fiducia che per l’efficacia e il senso stesso della loro missione. Nel primo capitolo era Loki a manipolare abilmente ogni loro azione, mentre stavolta è proprio la nascita di Ultron a minare i loro rapporti, visto che l’egocentrico Tony Stark non si confronta con il resto del gruppo prima di procedere con la sua creazione.

Ultron in pratica rappresenta l’incubo peggiore di Stark, ovvero la tecnologia ( da lui tanto amata e ricercata ) che prende il sopravvento sull’uomo e lo sovrasta, un po’ come avviene in Terminator e in tanti altri film/romanzi di fantascienza cyberpunk. Il progresso tecnologico infatti dovrebbe essere sempre al servizio del bene comune e aiutare l’umanità a progredire, ma c’è il rischio che una sperimentazione senza controllo possa portare nella direzione diametralmente opposta. Fortuna che l’entrata in scena di Visione, altro personaggio storico della mitologia avengeriana, riequilibrerà la situazione in quanto perfetto contraltare di Ultron. Una figura quasi “divina” che infonderà nuovamente fiducia nei cuori dei Vendicatori e nella tecnologia stessa, in questo caso capace di generare qualcosa di positivo.

Gestire così tanti personaggi in un’unica pellicola non era certo un’impresa facile, considerando che non mancano anche comparsate di volti noti come Nick Fury, Maria Hill, Falcon e War Machine, tanto per citarne alcuni… Fortunatamente però Whedon ha potuto contare su una squadra di lavoro già collaudata, a cominciare dagli attori principali, in grado ormai d’indossare e di smettere le divise da supereroi come se fossero pantofole ( e mi riferisco ovviamente anche all’interpretazione del ruolo ), creando un reale clima cameratesco tra di loro, che traspare anche nel film, dove non mancano mai battute e prese in giro, ma alla fine anche un forte spirito di squadra.

Quando hai a disposizione tutte queste pedine sulla scacchiera è molto facile costruire qualcosa di epico ma allo stesso tempo confusionario. Anche stavolta invece si è riusciti a creare un buon equilibrio tra introspezione e azione pura, forse con un bilanciamento anche migliore rispetto al capitolo precedente. Oltretutto sono stati giustamente approfonditi i personaggi che erano passati un po’ in secondo piano fino a adesso, come la Vedova Nera di Scarlett Johansson e l’Occhio di Falco di Jeremy Renner, unici personaggi del team a non aver beneficiato di una pellicola in assolo.

Peccato per qualche passaggio un po’ troppo frettoloso nella sceneggiatura, soprattutto per quanto riguarda la nascita di Ultron, molto repentina e priva del giusto carico di suspance e tensione emotiva. In pratica il personaggio nasce da subito “cattivo” e non sono troppo chiare le ragioni che lo spingono a minacciare la Terra. Ma è evidente che la carne al fuoco era davvero tanta, per cui era praticamente impossibile analizzare ulteriormente alcuni aspetti della trama in un unico film.

Gli effetti speciali sono sempre più sorprendenti e realistici, così come le uniformi degli eroi, quasi tutte ritoccate con design più moderni e accattivanti. Qualche sequenza di combattimento risulta un po’ troppo caotica e confusionaria, ma nel complesso il livello di spettacolarità è alto e ogni Marvel-zombie che si rispetti non potrà rimanere indifferente di fronte ai propri supereroi preferiti che se le danno di santa ragione o affrontano orde di robot assassini !

In sostanza, pur con qualche inevitabile pecca, Avengers: Age of Ultron si può considerare un altro colpo andato a segno per questa sempre più avviata continuity marvelliana cinematografica, che riesce così a chiudere degnamente anche la sua seconda fase. Lo stesso vale per Joss Whedon, che purtroppo non dirigerà altre pellicole Marvel, anche se rimarrà come responsabile creativo, cedendo lo scettro della regia agli acclamati fratelli Russo, già autori di Captain America: The Winter Soldier.

Anche per la Fase Tre, dunque, ci sono buone speranze…!

Annunci

6 Risposte

  1. Il film mi ha un po’ deluso, rispetto al primo Avengers. Molti aspetti della trama vengono lasciati in sospeso, quasi come una puntata di un telefilm, della quale si sa già che ci sarà un seguito. Inoltre sembra un promo per i prossimi film, più che un lungometraggio in grado di reggersi in piedi con le sue stesse gambe. Alcune interazioni tra i personaggi mi sono sembrate forzate, come il caso Banner-Natasha e sarebbe stato meglio utilizzare Betty, per un eventuale relazione con Bruce. I due gemelli vengono utilizzati in modo superficiale e pare che siano state tagliate molte scene, alcune delle quali lasciano un leggero vuoto tra le sequenze. L’impressione che ho avuto è quella di un film che dovevano fare e non che volevano fare, come nel caso del primo film. Essendo un universo ormai avviato, pare che stiano prediligendo la quantità alla qualità e questo aspetto alla lunga danneggia il prodotto finale.

    • Io sinceramente non ho avuto le tue stesse impressioni. Anzi, per certi versi mi è sembrato strutturato meglio del primo, soprattutto per quanto riguarda dialoghi e introspezione dei personaggi. Certo, la carne al fuoco era davvero tanta, e come ho scritto anche nella rece, era quasi inevitabile qualche lacuna o passaggio troppo frettoloso nella sceneggiatura. A farla bene, avrebbero dovuto fare due film, ma tutto sommato il risultato finale non mi è dispiaciuto…! 😉

  2. […] 2  AVENGERS: AGE OF ULTRON – Il film ( recensione ) […]

  3. Bel film,la scena che mi è piaciuta è quella quando combattono contro l’esercito di ULTRON, sembravano delle cavallette, però il villain Ultron non mi ha fatto impazzire come Loki.

    • In effetti il personaggio di Ultron non è stato sviluppato abbastanza bene. Loki è sicuramente più carismatico !
      A me invece è piaciuto un sacco lo scontro con l’Hulkbuster !!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: