PACIFIC RIM ( recensione )

Erano anni ormai che gli appassionati di animazione giapponese aspettavano di vedere un film in live action che potesse fargli rivivere anche al cinema la magia e le emozioni di serie cult come Goldrake, Mazinga o Jeeg Robot d’Acciaio ! C’è un’intera generazione che è cresciuta ammirando le gesta di questi colossali ammassi di metallo, che ogni volta dovevano affrontare il mostro alieno di turno, seguendo una sorta di canovaccio nella narrazione comune più o meno a tutte le serie di questo tipo. Poco importa se le vere differenze tra queste serie erano poche, i personaggi si assomigliavano un po’ tutti e spesso risultavano ripetitive nei contenuti, perché tutto ciò che lo spettatore voleva vedere non era altro che un appassionante scontro tra mostri e robot !

Non ci voleva molto per capire, quindi, che riuscire a riproporre una storia del genere anche al cinema sarebbe stato un inevitabile successo… Certo, ci vuole anche un regista e un team di tecnici che sappiano il fatto loro, altrimenti potrebbe venir fuori il film più ridicolo ed inutile della storia, ma la fortuna vuole che si sia fatto avanti quel geniaccio di Guillermo Del Toro, che già si era fatto notare per il suo talento visionario in pellicole come Mimic, Blade II, Il labirinto del Fauno e i due Hellboy. Tutti film da cui si evince chiaramente il suo amore per il cinema fantastico e per le creature mostruose in particolare, ma che soprattutto riescono ad essere avvincenti e spettacolari senza per questo ridursi a dei prodotti troppo mainstream o puramente commerciali.

Pacific Rim, per fortuna, non fa differenza. E’ una pellicola di grande impatto visivo, che omaggia chiaramente le succitate serie animate giapponesi, ma anche film tipici del Sol Levante come quelli dedicati a Godzilla ed altri mostri spaventosi, i cosiddetti Kaiju, che saranno chiamati così anche nel film di Del Toro.

La trama è molto semplice, e proprio per questo efficace: i Kaiju sono gigantesche creature che provengono da una breccia interdimensionale in fondo all’oceano, ed hanno il solo scopo di distruggere l’umanità e colonizzare il nostro pianeta. L’unico modo per combatterli è creare qualcosa di abbastanza potente da tenergli testa e distruggerli, per cui vengono costruiti degli enormi robot armati, i Jaegers, manovrati da due piloti all’interno interconnessi mentalmente. Il problema è che queste creature riescono ad adattarsi e diventano sempre più forti e pericolose, per cui la battaglia sarà ogni volta più dura e difficile da affrontare….

Tutti i personaggi, anche se un po’ stereotipati, sono funzionali alla storia e comunque ben caratterizzati. Si parte dal belloccio Charlie Hunnam, capello biondo e muscoli guizzanti, che interpreta il pilota Raleigh Becket, rimasto traumatizzato dalla perdita del fratello durante una battaglia. C’è poi la bella e intensa Rinko Kikuchi, che dà quel tocco orientaleggiante immancabile in un film del genere,  e veste i panni di Mako Mori, una ragazza che ha perso la famiglia da piccola per colpa di un Kaiju e adesso desidera vendetta. A loro, che sono i personaggi principali, si affiancano il duro e bravissimo Idris Elba, che interpreta il generale Stacker Pentecost, alla guida del progetto Jaeger anche quando non avrà più le sovvenzioni del governo e classico stereotipo del militare tutto d’un pezzo; Robert Kazinsky è invece Chuck Hansen, il tipico pilota sbruffone e pieno di sé che entrerà subito in conflitto con Raleigh, ma  verrà placato dal padre Herc, altro militare di vecchio stampo, integerrimo e dal cuore buono, interpretato da Max Martini.

Chiudono la carrellata i personaggi più simpatici, tipiche macchiette spesso utilizzate anche nei cartoni giapponesi per allentare un po’ la tensione e alleggerire la trama… si tratta degli studiosi  Newton Geiszler e Hermann Gottlieb, interpretati dai caratteristi Charlie Day e Burn Gorman, ovvero i classici secchioni nerd che si becchettano continuamente per portare avanti le proprie teorie sui Kaiju, e poi colui che potremmo definire l’”attore-feticcio” di Del Toro, Ron Perlman, già protagonista anche dei due Hellboy, e qui nei panni di Hannibal Chau, un eccentrico e scontroso trafficante di organi e resti vari dei Kaiju.

Gli amanti dei robottoni potranno ammirare diverse tipologie di Jaegers, a seconda del paese in cui sono stati costruiti. Il più bello e accattivante è ovviamente quello americano, pilotato dai protagonisti, dotato tra l’altro di raggi propulsori e spada; ma non è da meno anche quello australiano, esteticamente molto simile all’americano, e provvisto di cannoni multipli all’altezza del petto. Ci sono poi i modelli più particolari, come il mastodontico e squadrato Jaeger russo, con la testa a forma di reattore, oppure quello cinese, l’unico ad avere tre piloti e altrettante braccia, oltre a taglienti lame rotanti !  Ma ovviamente anche gli appassionati di Godzilla & co. avranno pane per i loro denti, visto che le creature mostruose non mancano, e ognuna di loro ha le sue specifiche peculiarità, come ali, testa e coda appuntita, o acido che fuoriesce dalla bocca….

E’ ovvio che un film come Pacific Rim deve il suo successo soprattutto alla buona riuscita degli effetti speciali, che in questo caso sono stati realizzati dalla Industrial Light & Magic di George Lucas, con risultati davvero eccezionali. Le battaglie che vediamo sono altamente spettacolari e travolgenti, e riescono ad esprimere alla perfezione tutta la potenza distruttrice e l’imponenza di questi colossi che si scontrano. Solo adesso, grazie ai progressi della computer grafica, gli appassionati possono finalmente rivivere, in maniera ancora più amplificata, quelle tante battaglie viste alla tv, a volte con disegni anche un po’ rozzi e approssimativi….

Del Toro è riuscito a carpire tutto ciò che di buono si poteva prendere da queste serie e a rielaborarlo per il cinema, costruendo una trama solida ed efficace, senza particolari tempi morti o appesantimenti inutili, ma che ha il solo obiettivo di divertire e intrattenere. Un film riuscito sotto tutti i punti di vista, quindi, che non potrà deludere gli appassionati di cinema fantastico e in particolare coloro che appartengono alla cosiddetta “generazione Goldrake” ! 🙂

Annunci

10 Risposte

  1. Ovviamente concordo con te, film grandioso! 🙂

  2. concordo! Per gli appassionati di anime robotici classici impossibile non apprezzare la sequenza di agganciamento della testa del robottone, come non cogliere altri richiami o suggestioni quali il doppio pilota ragazzo/ragazza (Gakeen), il trio di piloti cinesi ed i cattivi alieni tipo regno dei dinosauri (Getter Robot) o il sistema di pilotaggio alla Daimos.. 🙂

  3. Se non altro, dai giudizi che ho letto in giro, direi che questo film ha avuto anche il merito di mettere quasi tutti d’accordo ! Il che non è cosa da poco…!!! 😉

  4. Ancora non sono riuscito a vederlo. 😦

  5. lo devo vedere, dato che ne parlano tutti bene… sono contento che una volta tanto abbiano fatto un film commerciale di sto tipo che non sia una boiata 😀 ma d’altra parte Del Toro non e’ Michael Bay, per fortuna

    • Infatti, con un regista come Bay sarebbe venuta fuori l’ennesima baracconata in stile Transformers, invece Del Toro riesce a dare un suo tocco, mai troppo commerciale o esagerato, anche in film di questo tipo !
      Cmq guardalo e poi fammi sapere che ne pensi ! 😉

      • visto, e devo dire che sono soddisfatto! e’ un film pur sempre commerciale, ma come dovrebbero essere tutti i film commerciali, ovvero spettacolo ma con un po’ di qualita’ e non solo vaccate roboanti.
        speriamo che contribuisca ad alzare un po’ la media degli standard dei prodotti da multisala… intanto buone vacanze Spider, ci sentiamo!

      • Bene, sono contento che ti sia piaciuto ( ma ne ero quasi sicuro…! ;-p ).
        Buone vacanze anche a te, Brunez ! A presto !!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: