IRON MAN 3 + DEVIL & I CAVALIERI MARVEL 15 ( recensioni )

Periodo piuttosto “prolifico” a livello di recensioni, anche grazie a qualche giorno di ferie che sono riuscito a prendermi durante questi ponti del 25 aprile e del primo maggio ! E così stavolta vi beccate ben due recensioni al prezzo di una, che spaziano dal cinema ai fumetti !!! 🙂

Cominciamo con il piatto forte, che è la recensione del blockbuster del momento: IRON MAN 3 ! Un film particolare e controverso, che ha molto diviso gli appassionati, visto che esce un po’ fuori dagli schemi dei classici film di supereroi….

Se volete sapere il mio personale giudizio, però, dovete necessariamente cliccare QUI e leggervi la mia recensione su MangaForever !!! 😉

 

Torniamo poi ai fumetti e per l’esattezza alla testata dedicata al Diavolo Rosso, ovvero DEVIL & I CAVALIERI MARVEL, che al momento ospita anche le avventure del Punitore ! Nel quindicesimo numero troviamo un particolare racconto dal retrogusto vintage, in cui Ant-Man entra nel cervello di Devil per uccidere dei minuscoli robot che vi si erano installati, e per una volta riesce a “vedere” esattamente come il supereroe cieco ! Prosegue poi il Punisher di Greg Rucka e del grande Marco Checchetto, dove non mancheranno sparatorie e spargimenti di sangue, così come nell’ultimo numero della miniserie Daredevil Vs. Punisher, in cui a darsele di santa ragione saranno proprio i due protagonisti di questo antologico Panini !!!

Anche qui, per un giudizio più approfondito, vi tocca tornare su Mangaforever e leggervi la mia recensione ! :-p

 

 

Concludo ringraziando pubblicamente la simpaticissima blogger Fridge7, che mi ha nominato per i Liebster Blog Award, ovvero premi da conferire ad altri blog che ci piacciono, a condizione che abbiano meno di 200 follower. Io purtroppo sono un po’ restio a questo tipo di “catene” e non ho tempo di dedicarmici, per cui mi limito ad invitarvi a fare un giro nel blog di Fridge7 perché è molto simpatico e divertente, e inoltre ci potrete trovare tutte le istruzioni per assegnare a vostra volta i Liebster Blog Award !

E adesso è davvero tutto. Alla prossima !!! 😉

Annunci

16 Risposte

  1. Effettivamente il ruolo di Kingsley mi ha fatto soffrire non poco, da fan. La cosa che però mi ha deluso di più è l’incoerenza narrativa con i due precedenti episodi e con il resto del MCU…va bene focalizzarsi su Stark, ma non a scapito della storia “globale” che stanno costruendo…

    • Io in realtà non ho notato tutta questa incoerenza…. Quante volte anche nei fumetti succedono i peggio disastri e nonostante tutto i Vendicatori non intervengono ! Ci possono essere milioni di motivi e cmq questo non compromette la riuscita di una storia…
      Sono d’accordo magari sul fatto che ci siano dei buchi di sceneggiatura ( quando ha trovato il tempo di costruire tutte le armature che si vedono alla fine, per esempio ?!?!? ) e non mi sarebbe dispiaciuto vedere Tony Stark più tempo dentro l’armatura, ma del resto questa è una delle peculiarità del film…. 🙂

      • Non tanto i Vendicatori, ma che neanche lo S.H.I.E.L.D. neanche si faccia vivo quando rapiscono il Presidente USA mi sembrava un po’ eccessivo.
        Più che altro, il dubbio era: [SPOILER per chiunque non abbia visto il film] se il Mandarino ed i Dieci Anelli sono solo una trovata mediatica di Killian, come si spiegano i Dieci Anelli che hanno rapito Stark nel primo film, e che erano effettivamente terroristi anti-occidentali?

      • Secondo me quelli del primo film erano effettivamente terroristi. Killian può aver sfruttato i Dieci Anelli ( che del resto sono appena accennati anche nel film di Favreau ) per creare un fantomatico leader da utilizzare come spauracchio per coprire i suoi piani di conquista….

      • Tutto può essere, ma sarebbe stato meglio che questo fosse stato spiegato dal film, piuttosto che lasciato alle teorie dei fan 😉

      • Diciamo che è ciò che accade spesso anche nei fumetti, quando c’è un cambio di scrittore. Non tutti sono molto certosini con la continuity….! 😉

  2. se gli hai dato 6/7 mi sa che per stavolta passo, gia’ mi era andato giu’ di traverso il 2… mi rifaro’ coi film di Thor e Cap (soprattutto Cap)

  3. Smetto di perseguitarti, ma ti rimando alla recensione/serie di vignette del mitico Leo Ortolani 😉
    http://leortola.wordpress.com/2013/04/24/iron-man-3-la-recensione/comment-page-4/#comment-6975

    • Ci mancherebbe, Mino ! E’ bello confrontarsi anche su opinioni differenti ! 😉
      Le vignette di Ortolani le avevo già viste prima di vedere il film e infatti mi avevano preoccupato non poco….! Ora però posso dire di non trovarmi assolutamente d’accordo col pur simpaticissimo Leo !!! Non ho visto tutto questo influsso da parte della Disney, anzi, mi è sembrato più violento questo capitolo degli altri due… 😉

      • “Mr. Bin Laden” comunque rende l’idea XD

      • Si si, assolutamente !!! ;-p

        p.s. Probabilmente, se fossi stato un fan più accanito di Testa di Ferro mi sarebbe bruciata di più questa versione del Mandarino….! 😉

      • Ti dirò, io sono ulteriormente penalizzato dall’essere anche fan di Coldblood-7, che avevo conosciuto sulle pagine di “X-Men” mentre faceva a botte con Havok, e di cui mi ero ricercato le prime storie…niente a che vedere con l’Eric Savin del film!! T.T

      • Ecco, io qui riconosco la mia ignoranza. Non conoscevo proprio il personaggio…. 😦

  4. Ciao Spider-Ci. Ho visto Iron Man 3 e devo dire che nel complesso mi trovo in linea con le tue considerazioni. Ritengo che il sempre effervescente Leo Ortolani abbia un po’ calcato la mano sulla conduzione Disney. Mi sembra che il team creativo Marvel abbia avuto la libertà di sceneggiare una pellicola piuttosto atipica, poco mainstream per certi aspetti. Ho fatto fatica a slegarmi dal fumetto e dalla sua continuity. La trovata di Iron Patriot è solo un espediente e lasciamo perdere… il Mandarino (sob!) l’hanno massacrato ma il registro di fondo del film gioca sull’elemento “terrore globalizzato” senza andarci leggero. In alcuni momenti, prima dell’agnizione di Ben Kingsley, i toni sono molto cupi e inquietanti. La sculacciata all’immagine mediatica che permea gli States (e anche buona parte del mondo occidentale) e che vuole come icona del terrore il Bin Laden, il principe nero invasato e mediorientale, è ribaltata con acume e diviene uno schiaffo, uno sberleffo con tanto di conseguenze scatologiche. Ci sono alcune pecche nello script – non si capisce come Killian, ben introdotto e politicamente foraggiato, abbia bisogno di mendicare un colloquio di lavoro a Pepper Potts se non, forse, col tentativo di prendersi uno sfizio e di auto-convincersi di odiare più che mai lo Stark che lo snobbò in passato. Per non dire del virus: che necessità aveva di iniettarlo a Pepper? Mi è piaciuto il focus sul personaggio di Tony Stark, con buona pace degli Avengers “dormienti”, ma avrei approfondito di più il suo dramma psicologico, collocato non proprio felicemente in alcuni passaggi della vicenda… Quello di cui ho sentito più la mancanza in Iron Man 3 è l’armatura. Intendi: una bella scazzottata uomo a uomo, con Tony nella sua armatura e non la gazzarra di armature che spuntano come funghi non si sa bene dove/perché. Mi sembrava di essere in Alien 2: alieni ovunque, dopo che Scott nel suo primo e inimitabile capolavoro ci ha somministrato un alieno a spizzichi e bocconi. Mistero, suspense e sottrazione: ingredienti che la sceneggiatura ha poco o punto preso in considerazione. Rimane comunque un episodio degno di nota rispetto all’abborracciato Iron Man 2.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: