BATMAN/DEATHBLOW: DOPO IL FUOCO ( recensione )

BATMAN/DEATHBLOW: DOPO IL FUOCO non è il classico “team-up” fra supereroi, anche per il semplice fatto che i due personaggi in questo volume non s’incontrano mai ! Del resto, lo scrittore in questione non è certo uno di quelli che si sollazza con scazzottate fracassone e battute da oratorio, visto che si tratta di Brian Azzarello, autore dallo stile marcatamente pulp e hard-boiled che si è fatto conoscere su serie adulte come 100 Bullets e Hellblazer.

I suoi lavori che riguardano i supereroi sono pochi, ma significativi. Azzarello infatti riesce a dare un’interpretazione cinica e realistica anche di icone storiche come Batman o Superman, focalizzandosi soprattutto sull’ambiente che li circonda e sulle loro nemesi, che probabilmente reputa molto più interessanti degli stessi supereroi…. Ne sono un chiaro esempio eccellenti graphic novel come JOKER o LEX LUTHOR: MAN OF STEEL, nate dalla collaborazione con Lee Bermejo, straordinario artista dal tratto unico e inconfondibile.

Ma è proprio BATMAN/DEATHBLOW il primo risultato della collaborazione tra questi due autori e tutto sommato anche il meno convincente…. Azzarello infatti imbastisce una trama che si dipana tra passato e presente, con una serie di intrighi e complotti tra varie agenzie governative, come C.I.A., F.B.I. e via dicendo, in cui finisce nel mezzo anche Deathblow, super-soldato al soldo del Governo che doveva far fuori una cellula terroristica insediata a Gotham City. La sua missione non andò a buon fine e dieci anni dopo un assassino dai poteri “pirocinetici” si ripresenta per saldare il conto, proprio nella città di Batman….!

La narrazione  cruda e diretta di Azzarello è evidente anche stavolta, ma la storia procede in maniera poco chiara, con alcuni passaggi fin troppo ingarbugliati e farraginosi, di certo non aiutati dalla pessima traduzione Planeta, da sempre uno dei punti dolenti della casa editrice iberica, insieme ai vari refusi a livello di lettering che si possono notare già solo leggendo la quarta di copertina. A questo aggiungiamo anche la totale assenza di redazionali, che non avrebbero guastato specialmente per approfondire un personaggio poco conosciuto come Deathblow, creato nel 1992 dal talentuoso Jim Lee per la defunta etichetta Wildstorm.

Alla fine dei conti, quindi, il vero valore aggiunto di questo racconto restano proprio le magnifiche tavole di Bermejo, cupe e spettacolari, ma soprattutto originali e ricercate anche nella composizione e nel design. Basti guardare ad esempio lo stesso costume di Batman, completamente rimodellato ( ma non stravolto ) secondo la sua visione pulp e realistica. E se non altro possiamo goderci anche un piccolo extra in appendice al volume, con bozzetti preparatori e tavole scartate, commentati dallo stesso artista.

Per cui, se siete fan dell’Uomo Pipistrello o di Deathblow, o semplicemente adorate le illustrazioni di Bermejo, vi consiglio di procurarvi la versione originale di questo volume o, se masticate poco l’inglese, la precedente edizione della Magic Press, che forse farà meno figura nella vostra libreria ( niente rilegatura e niente copertina rigida ) ma era sicuramente più curata nei contenuti.

Annunci

7 Risposte

  1. sei preso bene con Batman ultimamente, a quanto vedo 😛

    comunque davvero la Wildstorm non esiste più? non lo sapevo

    • Eh si ! L’avevo preannunciato subito, tornato dalle vacanze, che sarebbe stato un ritorno “oscuro”…!!! ;-p Cmq adesso mi manca solo una bat-recensione ancora da pubblicare, che sono convinto ti interesserà….! 😉

      Ebbene sì, è già un po’ di tempo che la Wildstorm ha chiuso, come del resto quasi tutte le etichette “pseudo-Image” nate negli anni Novanta, anche se questa si appoggiava direttamente alla ben più solida Dc ! 🙂

  2. Ciao Spider batman Luca ti è venuto a salutare, il pipistrello notturno che non finisce mai di amare…Un saluto, da iobloggo….

  3. Ma lo sai che è la prima volta che sento parlare di Deathblow? Cos’è, una sorta di Sgt. Rock versione reaganiana?

  4. […] un po’ di tempo fa vi ho parlato dell’accoppiata Azzarello/Bermejo a proposito della miniserie BATMAN/DEATHBLOW, ho deciso di recuperare la recensione di un altro volume frutto della loro collaborazione, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: