BATMAN: VITA DOPO LA MORTE ( recensione )

Riprendiamo con le recensioni dei volumi letti durante il periodo natalizio e stavolta ci focalizziamo sul mitico Cavaliere Oscuro della Dc, con un volume edito da Planeta DeAgostini a fine 2010: BATMAN: VITA DOPO LA MORTE ! Buona lettura !!! 😉

 

Tony Daniel è un artista che ha avuto una crescita sempre più repentina una volta entrato nella grande famiglia della Dc Comics, e in particolare nell’universo di Batman.

Grazie a Grant Morrison, Daniel riesce ad esordire come disegnatore nella saga La resurrezione di R’as Al Ghul  insieme ad un team di altri artisti, per poi curare in toto la parte grafica di una delle storie più importanti del ciclo di Morrison, vale a dire Batman R.I.P.. Ma Daniel ha un passato anche di scrittore ed è per questo che la Dc decide di affidargli in seguito la miniserie Battaglia per il mantello, di cui sarebbe stato l’autore unico.

Anche questa prova convinse gli editor della Dc, tanto da meritarsi la gestione temporanea di un’importante serie regolare come Batman, visti i tanti impegni di Morrison sulle nuove serie Batman & Robin e Batman Inc., per non parlare del mega evento Crisi Finale.

Un primo ciclo di storie realizzate da questo promettente autore completo è raccolto nel volume Batman: Vita dopo la morte, che prende il nome dal titolo dell’omonima saga in sei parti scritta e disegnata da Daniel, in cui finalmente scopriremo la vera identità del nuovo boss criminale Maschera Nera.

Dick Grayson, che attualmente si trova ad indossare i panni di Batman ( all’epoca Bruce Wayne non era ancora tornato ), dovrà affrontare una delle sue sfide più difficili, visto che Maschera Nera è un avversario particolarmente astuto e crudele, aiutato da menti altrettanto maligne come Hugo Strange, il Dott. Death e Fright. Ma bisogna considerare anche i nemici di Maschera Nera, che di certo non appartengono alla categoria dei “buoni” e non mancheranno di fare la loro parte in questa spietata faida criminale: stiamo parlando del Pinguino, del Cappellaio Matto e della rediviva famiglia mafiosa dei Falcone, che ben ricorderanno i lettori delle graphic novel Il lungo Halloween e Vittoria Oscura.

Ma i Falcone non saranno gli unici personaggi a tornare dal passato dell’Uomo Pipistrello… Rivedremo infatti anche Il Mietitore, un vigilante tormentato e complesso creato dallo scrittore James W. Barr sulle pagine di Batman: Anno Due, che tornerà dalla morte grazie a Hugo Strange, per volere di Maschera Nera. Dick Grayson si troverà quindi ad affrontare alcuni fantasmi del passato del suo mentore, oltre alle sue insicurezze e inquietudini riguardo la pesante eredità che si è trovato a gestire. Questa difficile prova servirà a dare maggiore consapevolezza al nuovo Cavaliere Oscuro, sia per quanto riguarda il ruolo che deve ricoprire che per i rapporti con i suoi alleati, come lo scorbutico Damian ( attuale Robin ) e la sensuale Catwoman, sempre ambigua e poco accondiscendente con gli aiutanti di Bruce Wayne, suo contrastato amore…

Nonostante Daniel non sia ancora uno scrittore scafato e faccia intuire quasi da subito l’identità segreta di Maschera Nera, con questo story-arc ha dimostrato comunque di  essere in grado di gestire tanti character in una sola storia, ripescando anche dal passato dell’Uomo Pipistrello e contribuendo ad aggiornarne il mito. Vita dopo la morte è una storia avvincente e per certi versi molto classica: ci sono infatti tutti gli elementi tipici di un’avventura del Cavaliere Oscuro, come il mistero, l’azione, il poliziesco e criminali di varia natura e pericolosità…

Lo stesso vale per il secondo story-arc in due parti, presentato in appendice a questo volume, che si focalizza invece sul personaggio dell’Enigmista, adesso investigatore privato e apparentemente passato dalla parte dei buoni…. Ma sappiamo bene che con l’Enigmista niente è mai come sembra e starà a Batman stabilire se la sua “conversione” sia veritiera o meno e al contempo indagare su un misterioso killer che uccide le sue vittime imitando alcuni dei più famosi nemici dell’Uomo Pipistrello !

Un’avventura meno intensa della precedente, ma comunque piacevole, sempre scritta da Daniel ma disegnata stavolta dall’ottimo Guillem March, sicuramente più fluido e dinamico dello scrittore e con uno stile più personale. Va detto che comunque anche Tony Daniel ha realizzato una buona prova a livello grafico, considerando anche le scadenze da rispettare e la lunghezza dello story-arc, dimostrando inoltre un’evoluzione e un margine di miglioramento sempre maggiore.

 

Annunci

12 Risposte

  1. Spidey: ti considero direttamente responsabile della mia bancarotta personale. Mi fai venir voglia di acquistare questo volume. Sto dilapidando il mio stipendio in fumetti: Help!

    • Ah ah ! In effetti con questa crisi che serpeggia non ti sto dando un grande aiuto, ma è anche vero che un appassionato di comics come te non può lasciare in disparte un personaggio come Batman !!! 😉

  2. Io ancora non ho capito com’è che Bruce è tornato…insomma, i Raggi Omega generalmente spianano un continente, no? Mah…non mi ha convinto molto la serie di morte e rinascita del Pipistrello, mentre invece le gesta di Dick Grayson & Damian mi intrigavano alquanto, questi numeri compresi. Ma è vero che con 52 la DC azzererà tutte le continuity?!

    • Si, dopo Flashpoint ci sarà l’ennesimo reboot di tutto l’universo Dc e quindi sarà di fatto un nuovo inizio che si dipanerà tra queste 52 nuove testate… Se ti può consolare, comunque, Bats sarà uno dei personaggi che subirà meno stravolgimenti, proprio perchè funzionava alla grande anche prima ! 😉

      p.s. Nel caso di Batman i raggi Omega hanno avuto il bizzarro effetto d’intrappolarlo dentro il flusso temporale, anzichè disintegrarlo ! Cose che capitano nel meraviglioso mondo dei comics…!!! ;-p

  3. Tony Daniel a me è sempre piaciuto assai,felice che sia ancora ai suoi soliti standard.
    Saluti Spidey. 🙂

    • A me non fa proprio impazzire, ma apprezzo i suoi sforzi nel voler migliorare e soprattutto il suo essere un autore completo !
      Per curiosità: che cosa hai letto di Daniel ? Non conosco molto bene il suo passato prima di Batman….

  4. Una sua lunga sequenza su X-force innanzitutto e una sua mini non so se per l’image comics che mi pare si chiamasse The Tenth ma questa più che leggerla la sfogliai soltanto.:-)

  5. Potevano usare un altro cognome per la famiglia mafiosa 😉

    • Infatti c’era anche chi pensava che per i film di Batman di Nolan l’avrebbero cambiato, ma alla fine l’hanno lasciato, visto che di fatto questo era il nome dato dagli autori… Probabilmente non erano molto aggiornati sulla cronaca italiana !!!

  6. Grazie… a te! 🙂
    E buona settimana! 😉

  7. […] su MangaForever, in cui riprendo alcuni argomenti già affrontati qui a proposito della saga Vita dopo la morte,in cui parlavo di Tony Daniel e della sua rapida ascesa all’interno […]

  8. […] 4 BATMAN: VITA DOPO LA MORTE ( recensione ) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: